2018 WPJA Fotografo dell'anno

Vinicius Fadul

Tra le tante usanze nuziali uniche e spesso colorate del Brasile - scarpe d'oro, abiti da damigella colorati diversi, cravatta dello sposo e pezzi messi all'asta - il fotogiornalista brasiliano Vinicius Fadul pensa che avere i nonni della coppia come portatori dell'anone sia il più toccante.

"Una delle tradizioni più emozionanti per me è quando i nonni portano gli * alianças * per la coppia", dice Vinicius, il fotografo fotografico dell'anno dell'Associazione Xnumx. "Qui in Brasile, succede molto, ed è possibile in questo momento sentire l'emozione di tutte le persone coinvolte - non solo degli sposi, ma anche dei loro padrini, degli ospiti, anche dei professionisti come me che fanno parte di quel giorno. "

I collegamenti emotivi appaiono grandi nel lavoro di Vinicius. Parte di ciò deriva dal vedere la bellezza in ciò che altrimenti potrebbe essere trascurato o addirittura respinto. "Dopo aver lottato contro un cancro ho cambiato il mio punto di vista sulla vita, tutto aveva una bellezza, ho scoperto che anche i tempi cattivi possono diventare qualcosa di bello, e tutto ha il suo lato positivo", dice ai potenziali clienti.

In 2018, Vinicius ha girato i matrimoni 62 - quasi tutti di notte, un'altra tradizione brasiliana. "Noi brasiliani preferiamo celebrare i nostri matrimoni di notte", dice. "Diventiamo più disinibiti e passiamo tutta la notte a bere e ballare, molte celebrazioni di nozze finiscono all'alba!"

Anche se un matrimonio notturno può porre sfide fotografiche quando si cerca di catturare emozioni, movimento e ambientazioni, Vinicius preferisce loro. "Amo i matrimoni di notte! Credo di avere più possibilità di creare, ho più possibilità di controllare la luce quando è buio che quando c'è il sole, quindi in ogni caso uso un flash esterno e un assistente luci, che consente la versatilità di me: con un gesto posso controllare diverse posizioni della fonte di luce e questo mi dà una grande libertà creativa di fare tutto ciò che voglio ".

In questa luce, Vinicius plasma il dramma umano e racconta storie più grandi. Possono essere necessari molti scatti per ottenere infine immagini che spesso sembrano evocare gli antichi maestri del Rinascimento.

"Per me tutto inizia a trovare le connessioni tra le persone", dice. "Cerco ciò che rende queste persone collegate e dopo, inizio a fotografare.

"Innanzitutto, comincio con un solo livello e gradualmente aggiungo uno strato alla volta.

"Come in una danza, sto cercando di adattarmi a tutti gli strati, ma non è la cosa più importante. Ciò che distingue la foto tra le altre foto è di essere in grado di catturare quel momento esatto in cui sembra che tutti gli strati si connettono e per questo è necessario fotografare molto ".

Dice che, per una singola scena, prenderà spesso più di 100 foto. "È un processo difficile", afferma, "dove 99 delle foto scattate sono essenzialmente schizzi.

"Non sono mai soddisfatto del risultato e credo sempre che la foto potrebbe essere migliore, quindi prendo più volte la stessa foto e anche quando penso che il momento è finito, sono rimasto un po 'più a lungo con la fotocamera la mia faccia.

"Perché se si abbassa la fotocamera, accade il momento migliore ... quindi non abbassare mai la fotocamera!" lui dice.

Il primo lavoro di Vinicius Fadul è stato nella pubblicità, lavorando nella progettazione grafica, che a suo dire lo ha aiutato a capire il lato estetico delle immagini. Dopo il suo periodo di cancro, "ho finito col ripensare il modo in cui ho vissuto la mia vita", dice. Il suo primo amore è stato la fotografia, quindi ha scelto di fare il lavoro della sua vita.

"Ho trascorso due anni della mia vita viaggiando per il mondo e fotografando per un'azienda americana", dice, "che mi ha insegnato ad avere uno standard di qualità in ogni foto che ho fatto. Ma in quel momento stavo fotografando solo ciò che l'azienda voleva e nel modo in cui lo volevano. "

Così, quando ha deciso di diventare indipendente, dice di aver "seguito tutti gli insegnamenti che ho appreso in quegli anni, ma ora avrei girato solo ciò che mi piaceva".

"Credo che un matrimonio sia uno dei momenti più felici della vita di una persona e volevo essere vicino a persone che vogliono godersi le loro vite."

È orgoglioso di essere nominato Fotografo dell'Anno WPJA, così come si affida al suo lavoro tra le fila dei fotogiornalisti di lavoro.

"Il nostro ruolo di fotografi è di essere sempre attenti, di prestare attenzione a cose che gli altri ospiti non notano", dice. "Più ci sentiamo connessi con quelle persone che sono nel matrimonio, più sentiamo che le foto si rivelano 'vere', per mostrare chi sono veramente.

"Quando fotografo, cerco di sentirmi amico di quella persona e di conoscerli da molti anni, così posso sentire quello che provano realmente in quel preciso momento.

"In questo modo posso avvicinarmi molto e fotografare senza che nessuno se ne accorga: quando riesco a scattare un momento che accade così velocemente che molte persone non si rendono nemmeno conto che è successo, è come un'esplosione dentro di me.

"Quando il momento finisce e sai di avere la foto, senti che vuoi farlo ancora e ancora."